Agenda Impegni

Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
Data : Mar 20 Ago 2019
21
Data : Mer 21 Ago 2019
22
Data : Gio 22 Ago 2019
23
Data : Ven 23 Ago 2019
24
Data : Sab 24 Ago 2019
25
Data : Dom 25 Ago 2019
26
27
28
29
30
31

Home

Cantare in Montagna Wolfsberg Carinzia (Austria)

 

 

Cantare in Montagna

Il Coro Vecchio Ponte ha partecipato al Festival Corale Internazionale Wolfsberg Carinzia (Austria)

dal 1 al 4 settembre 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I canti del coro “Vecchio Ponte” per l’addio al prof. Giovanni Mayer

 

 

la chiesa di Santa Croce gremita per l’addio al prof. Giovanni Mayer

 

I canti intonati dal coro “Vecchio Ponte”, al quale si sono uniti i numerosi fedeli presenti, ieri hanno dato l’addio a Giovanni Mayer, 56 anni, il docente di musica dell’istituto Rodari di Rossano stroncato da un malore nella notte tra sabato e domenica, lasciando nello strazio le sorelle Edda e Anna, i congiunti e quanti gli volevano bene.

La cerimonia funebre si è svolta nella chiesa di S. Croce ed è stata celebrata dal parroco don Stefano Mazzola, affiancato sull’altare da don Antonio Gonzato. Lo stesso don Antonio, che aveva retto la parrocchia, negli anni ’80 conserva un vivio ricordo dell’insegnante, che aveva guidato il coro della chiesa.

Giovanni Mayer si è spento poche ore dopo aver diretto il coro “Vecchio Ponte” in un concerto.

Attorno al feretro si sono stretti i colleghi dell’istituto Rodari, gli alunni impegnati negli esami di terza media e il sindaco di Rossano Morena Martini. Presenti anche diverse autorità.

«La musica - ha sottolineato il parroco - è stata per Giovanni amica, amante, motivo di sollievo e conforto nei momenti più difficili di un’esistenza che s’è fatta breve».

Al termine della cerimonia, sul piazzale della chiesa sono stati ricordati gli insegnamenti di Giovanni Mayer.

«Giovanni - ha sottolineato la preside Anna Segalla - come vicepreside ci ha aiutato a creare un istituto più unito e più bello: lo voleva il migliore del mondo. Ha operato con intuizioni che hanno anticipato i tempi».

Hanno poi parlato alcuni allievi. «Anche quando non parlava di musica - ha ricordato una studentessa - riusciva e renderci partecipi. Ci ha fatto comprendere quanto è importante imparare e quanto la musica è uno strumento utile per la vita».L.Z.

"IN MEMORIAM" di Sharon Fridman con 100 danzatrici e 300 coristi

manifesto in memoriam smallUna nuova produzione in prima nazionale, ideata appositamente per il centenario della Grande Guerra, un progetto site specific per 100 danzatrici e 300 coristi, pensato per i luoghi simbolo della Grande Guerra: a partire da Piazza Libertà di Bassano del Grappa (23 luglio) ai Sacrari del Monte Grappa ( 24 luglio) e di Asiago-Leiten (25 luglio) . La direzione artistica è affidata al coreografo e danzatore di origine israeliana ma attualmente basato in Spagna,  Sharon Fridman.

Una creazione corale che vedrà l’impegno, oltre che dei danzatori della Compagnia di Fridman, anche di 100 danzatrici provenienti dalle compagnie e dalle scuole del territorio e di  300 coristi appartenenti ai Cori alpini e popolari della nostra regione, in collaborazione con le associazioni alpini e corali del territorio.
Integrazione dunque tra due linguaggi: quello della danza contemporanea e quello della musica popolare più evocativa, per ricreare in un grande affresco la memoria dei fatti e soprattutto la memoria degli uomini che trovano riposo nelle architetture silenziose teatro del progetto.
La creazione site-specific sarà come un dipinto che si frantuma, esplodendo in un rimescolio fisico, di movimenti complessi e incastri. Il tutto accentuato dall’introduzione, dalla chiusura e dall’inframezzarsi dei canti della grande guerra interpretati dai cori, proprio quelli che finora ne hanno conservato e tramandato la memoria più viva e toccante.

E sarà slancio dei corpi in movimento, dove le sensazioni sono amplificate e ci si trova coinvolti in una scena viva, che parla, dove il danzatore partecipa con la propria materia e con la voce: respiri, affanni, gemiti che calcano ancora di più i passi. Corpi che vivono di leggerezza e come le foglie seguono il moto della caduta libera. Le cadute sono quelle che sappiamo e che celebriamo, ma sono anche quelle quotidiane, da dove scaturisce la necessità di creare un supporto, fisico ed emotivo, a chi cade e si rialza.

Ricerca

Login